WoodLand

Scambio Internazionale di Giovani

Oriolo Romano, (Italy)
dal 7 al 16 novembre 2014

cemea del lazio logo woodland cemea scambio internazionale giovani Logo Erasmus cemea

 

Contesto del progetto

Come ogni paese ed ogni nazione presenta un paesaggio geografico, una lingua, una società e, più generalmente, una cultura specifici e differenti, così anche il bosco ha una sua propria particolarità e configurazione per i diversi Stati che popolano questo mondo. Vi si sviluppano, a seconda delle condizioni climatiche, degli interventi umani e della configurazione ambientale, una differente vegetazione come una differente popolazione animale. Esiste una vegetazione per paesi più aridi, alcuni poveri di macchie verdi, altri distinti dalla costante presenza di un clima umido e tropicale, altri paesaggi invece dominati dalla selvaggia e ribelle natura. Ogni paese può ricercare la propria identità anche nella propria configurazione forestale e nella vegetazione dei boschi. Nel bosco non solo risiedono, però, le differenze nazionali, ma anche le identità comunitarie, dalla condivisione di piante, alberi e animali, fino alla condivisione degli stessi stereotipi e dello stesso immaginario che il bosco ci offre e regala.

Il bosco ha anche ricoperto, e ricopre tuttora, determinati valori simbolici e metaforici che sono andati a costruire un vero e proprio topos tradizionale nell’immaginario collettivo dell’uomo. Il bosco è il racconto di paura, luogo di streghe e di creature magiche, scuro e selvaggio, luogo dell’ignoto che spaventa. Il bosco è luogo di avventura e di ostacolo, ma è anche luogo di liberazione, di fuga dalla città e dalla civiltà che ci opprime, ritorno allo stato naturale e primitivo dell’uomo, libero dalle costrizioni della società moderna e in un rapporto diretto con la natura e con se stesso. Il bosco è il nido familiare che ci conforta e ci ascolta con il suo “silenzio” brulicante di vita ancora incontaminata dall’edificazione soffocante e coatta della città moderna. Nel bosco si gioca e con il gioco si scopre lo spazio, si scoprono i materiali (le foglie, il legno, i funghi, i fiori, le cortecce, le piume…), si scoprono gli odori, i suoni e i colori. Il bosco inoltre è anche la storia, palcoscenico di incontri amorosi, di guerre, di rifugi, attraverso cui ogni paese si può raccontare.

Al centro della riflessione e dell’azione educativa e formativa dell’associazione C.E.M.E.A del Lazio vi è il tempo libero delle persone e quindi in WoodLand propone e valorizza il materiale della tradizione per la capacità di rispondere a bisogni fondamentali degli individui e dei gruppi riconoscendo al repertorio di giochi, danze, racconti e canti che caratterizzano le culture il valore per gli individui in tutti i tempi.

 

Cosa si fa durante lo scambio

Gli elementi cardine dello scambio WoodLand permetteranno un lavoro personale, divertente e protetto all’interno delle dinamiche di attività incentrate sull’emersione delle culture e delle tradizioni legate al bosco che contribuiscono a costruire una consapevolezza europea comune.

La metodologia di educazione non formale che verrà utilizzata sarà quella esperienziale e di attività all’aria aperta all’interno del bosco della faggeta di Oriolo Romano, potendo però contare anche sulla base logistica rappresentata dalla Casa Cemea situata nelle immediate vicinanze.

Il gruppo multiculturale sarà coinvolto in:

  • percorsi di scoperta del bosco
  • giochi della tradizione
  • racconti animati
  • gattività manuali
  • canzoni, balli, storie legate al bosco

I gruppi nazionali di partecipanti avranno un tempo e uno spazio per portare i propri pari nel bosco “di casa loro”, attraverso la riproposizione di balli, canti (ovviamente nella propria lingua d’origine), giochi della tradizione e racconti (teatralizzati per quanto possibile) intorno al fuoco. I vari gruppi nazionali proporranno ogni giorno una visita guidata nel bosco visto dal loro punto di vista. Anche la gestione condivisa della logistica nel bosco e di tutte le pratiche rispettose necessarie per svolgere una qualsiasi azione quotidiana, farà parte integrante delle attività. A rotazione una parte del gruppo rimarrà a dormire nel bosco utilizzando e migliorando di giorno in giorno il campo base allestito dal gruppo multiculturale.

I partecipanti potranno così sperimentarsi in un contesto di educazione non formale in cui ciascuno è protagonista ed in cui la diversità è considerata un elemento di ricchezza. Il gruppo multiculturale collaborerà nella realizzazione di un evento pubblico, un percorso guidato del Bosco Europeo, con il coinvolgimento della comunità locale. I partecipanti inviteranno i cittadini a scoprire il Bosco Europeo, attraverso attività legate alla manipolazione di materiali, all’espressione vocale e sonora, all’espressione corporale e allo storytelling.

 

Dove si svolge lo scambio:

Lo scambio avrà sede a Oriolo Romano (Lazio).

 

Quali paesi e quali partecipanti coinvolti:

Nello scambio parteciperanno ragazzi provenienti da Portogallo, Francia, Spagna, Lettonia, e Italia. Ciascun gruppo nazionale sarà composto 5 partecipanti tra i 18 ed i 25 anni più un accompagnatore per gruppo. Per l’accompagnatore non ci sono limiti di età.

 

Cosa copre uno scambio internazionale di giovani

L’azione chiave 1 (Key Action 1) del programma Erasmus+ 2014-2020 copre vitto e alloggio mentre per i viaggi dei partecipanti la Commissione Europea ha deciso uno stanziamento forfettario calcolato sulla base della distanza in linea d’aria tra il luogo di sede dell’organizzazione di invio (nel nostro caso Roma) e il luogo dello scambio. Il Cemea quando si partecipa ad uno scambio internazionale solitamente garantisce ai partecipanti anche l’attivazione di una copertura assicurativa per l’attività all’estero e anticipa l’intero costo del viaggio, organizzandolo per i partecipanti da Roma e prepara il Group Leader, una figura volontaria che però desidera prendersi la responsabilità del gruppo e del lavoro comune con gli altri group leaders una volta allo scambio e che quindi è in grado di comunicare quanto meno in inglese, se non addirittura nella lingua dell’organizzazione di accoglienza. Laddove è stato previsto, il GL partecipa anche a una visita di preparazione che permette di visitare in anticipo i luoghi dello scambio e di conoscere gli altri accompagnatori.

Con questo meccanismo quindi la Commissione Europea (CE) copre solamente una parte del viaggio e il restante costo è a carico del partecipante. Questa compartecipazione comprende anche una quota della parte di costo del viaggio del group leader non coperta dal programma; il tutto vuole rappresentare un cofinanziamento del partecipante al programma stesso. Vi sono inoltre costi sostenuti dall’organizzazione di invio per tutte le procedure di organizzazione e valutazione degli scambi che non hanno alcun riconoscimento o copertura economica.

 

Come partecipare allo scambio:

Sono disponibili 5 posti per giovani del Lazio tra i 18 ed i 25 anni per comporre il gruppo italiano dei partecipanti. Per fare domanda di partecipazione scaricate il modulo di iscrizione cliccando sulla seguente icona download compilatelo ed inviatelo a ue.ae1508272353mec@i1508272353bmacs1508272353 entro, e non oltre, il 6 Ottobre 2014.

Se vi sono domande o segnalazioni a cui non risponde la presente pagina web, potete contattarci inviando una mail a ue.ae1508272353mec@i1508272353bmacs1508272353

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Informativa estesa sui cookie. | OK