EU’GO – EUROPEAN URBAN GARDENS OTESHA

GRUNDTVIG MULTILATERAL

Contesto del progetto

Il CEMEA del Mezzogiorno da alcuni anni è partner in una serie di progetti europei incentrati sull’educazione allo sviluppo sostenibile caratterizzati da una strategia comune denominata OTESHA. Il termine OTESHA deriva dalla lingua swahili e significa “una ragione per sognare”.

Da alcuni anni anche la città di Roma si sta confrontando con il fenomeno degli orti urbani. Diverse e numerose sono le esperienze in atto che vedono sempre più cittadini avvicinarsi alla pratica della coltivazione di un orto e sempre più originali sono gli usi che le varie organizzazioni e/o semplici cittadini ne fanno. Se nell’immediato dopoguerra Roma si caratterizzava per la presenza di molti orti urbani, creati con finalità di sussistenza, oggi non è solo la domanda alimentare a guidare il bisogno, al contrario molte volte la nascita di un orto ha diverse missioni che potremmo sintetizzare in 4 grandi macrocategorie: sociale, ricreativa, di produzione ed educativa.

 

euro european urban garden otesha

EU’GO vuole esplorare queste categorie attraverso la valorizzazione delle esperienze già in attuo nei vari 

paesi, contribuire a dare una definizione completa ed esauriente di giardino/orto urbano, operando specialmente con quelle realtà che presentano elementi peculiari (pratiche o strumenti educativi) che possono essere trasferibili ed adattabili in altre realtà, favorendo lo scambio e il contatto diretto attraverso la mobilità e la messa in rete delle esperienze in favore di tutti i cittadini europei

 

 

Di cosa si tratta

Eu’Go è un progetto sostenuto dal programma comunitario LifeLong Learning (LLP) e permette lo sviluppo continuo di competenze e la crescita delle persone anche attraverso la mobilità e lo scambio di idee e buone pratiche: siamo quindi nel campo dell’educazione degli adulti. In particolare il programma settoriale Grundtvig multilaterale è una misura che consente una cooperazione di 2 anni combinando diverse azioni sia a livello locale che a livello internazionale in cui organizzazioni/istituzioni di diversi Paesi europei collaborano e mettono in comune le proprie conoscenze ed esperienze allo scopo di ottenere risultati/prodotti innovativi con un indiscutibile valore europeo. In molti casi, ciò prevede lo sviluppo di esperienze pilota in aree strategiche e la creazione di prodotti didattici di alta qualità. I progetti si propongono inoltre di rafforzare la dimensione europea nel campo dell’istruzione degli adulti e migliorare i contenuti e la diffusione dell’educazione per gli adulti; l’educazione degli adulti a livello politico e di sistema, l’accesso ad opportunità educative per gli adulti, la gestione del lifelong learning.

 

Quali Partners

Il Progetto EU’GO coinvolge cinque città Europee: Roma (Italia), Marsiglia (Francia), Barcellona (Spagna), Potsdam (Germania) e Plymouth (Inghilterra). Grazie a EU’GO le realtà coinvolte nella creazione e gestione di un orto urbano avranno la possibilità di apprendere, confrontarsi, diffondere e valorizzare la pratica degli orti urbani e il loro valore didattico intorno a 4 temi fondamentali: dialogo intergenerazionale, dialogo interculturale, educazione allo sviluppo sostenibile e formazione professionale.

 

Quale percorso per i Cittadini

Nel 2012…

Nel primo periodo di implementazione del progetto si procederà alla realizzazione di uno “stato dell’arte” degli orti urbani in Italia e in particolare a Roma. Questo permetterà di ottenere un quadro generale delle diverse esperienze e di individuare realtà e pratiche didattiche esistenti. Ad ogni orto urbano intenzionato a partecipare al progetto verrà richiesta la compilazione di due differenti schede informative: una legata prettamente al sistema interno di organizzazione e alle motivazioni che hanno spinto alla sua creazione, l’altra scheda verterà invece sulle pratiche o strumenti utilizzati all’interno delle attività dell’orto urbano. Da quest’ultima scheda verranno selezionate dal partenariato europeo due pratiche o strumenti per ogni paese che risponderanno a dei criteri prestabiliti, tra i quali la possibilità di trasferire in un altro paese una pratica che ancora non è stata sperimentata.

A partire da Giugno 2012 e fino a Novembre 2012 verranno organizzate visite di studio in ogni paese partner. Le visite di studio coinvolgeranno due responsabili di uno o due orti accompagnati dal coordinatore del progetto in Italia, la selezione avverrà in base alle caratteristiche degli orti e alle loro esigenze. Allo stesso modo le realtà italiane coinvolte riceveranno i responsabili degli altri paesi. Questo darà la possibilità ad ogni realtà nazionale di conoscere nuove pratiche didattiche e di trasferirle, adattandole, alle proprie esigenze e alla propria utenza specifica. Ogni orto partecipante avrà così modo non solo di conoscere altre realtà europee, ma diventerà un potenziale moltiplicatore di pratiche innovanti sul tema dell’educazione allo sviluppo sostenibile, aggiungendo visibilità al proprio progetto locale e sviluppando nuove competenze didattiche.

Le attività internazionali previste dal progetto si svolgeranno secondo il seguente calendario:

Visita Germania Potsdam, dall’11 al 15 Giugno 2012

Visita Regno Unito Plymouth, dal 9 al 13 Luglio 2012

Visita Italia Roma, dal 26 settembre al 1° Ottobre

Visita Spagna Barcellona, dal 18 al 22 Ottobre 2012

Visita Francia Marsiglia, dal 5 al 9 Novembre 2012

Incontro di metà percorso Italia 13-16 novembre 2012

Incontro sull’e-learning Spagna 16-19 aprile 2013

Valutazione finale Germania 3-6 dicembre 2013

 

Nel 2013…

Il secondo anno del progetto vedrà le realtà locali di orti urbani sperimentare le pratiche e gli strumenti didattici dei loro omologhi europei, pratiche e strumenti che hanno potuto vedere e vivere direttamente grazie alle visite di studio.

Parallelamente verrà sviluppata la piattaforma web di e-learning: l’obiettivo è la creazione di moduli didattici interattivi su argomenti quali la creazione e gestione di un orto urbano, le diverse attività didattiche possibili, nonché una panoramica delle diverse esperienze coinvolte nel progetto. Il materiale raccolto durante il primo anno del progetto e le attività portate avanti contribuiranno a formare i contenuti della piattaforma web, che sarà accessibile a chiunque fosse interessato alla pratica di un orto urbano.

Un altro aspetto importante è lo sviluppo di una strategia di marketing sociale rivolta alla sostenibilità anche economica di orti e giardini urbani. La possibilità di incontro e scambio tra diversi paesi europei, ognuno con le sue caratteristiche, permetterà di vagliare diverse possibilità esistenti e già in atto o di creare una nuova forma di marketing sociale.

 

 

Quale sostegno dal Partenariato

Un seminario internazionale di lancio a Marsiglia a febbraio 2012 ha permesso ai partner internazionali di organizzare i vari incarichi interni al progetto e condividere il ruolo di coordinamento sugli aspetti più peculiari e in modo consono all’esperienza e alle capacità degli enti coinvolti e dei partenariati locali. Il supporto costante alla partecipazione dei cittadini sia a livello locale che durante le mobilità all’estero caratterizza l’azione di tutti i partner, mentre alcuni, come ad esempio il Cemea del Mezzogiorno onlus, guidano il contenuto educativo delle azioni svolte e in particolare il sistema di valutazione in itinere ed ex post di tutto il progetto. Alcune misure interne di coordinamento, confronto e studio procedono infatti durante tutto l’arco del progetto, parallelamente al lavoro svolto dai cittadini nei giardini urbani, durante le visite all’estero e le sperimentazioni sul campo. E’ previsto infatti un seminario di valutazione intermedia a Roma nel novembre del 2012, mentre il lancio della piattaforma e-learning verrà messo a punto da uno specifico incontro in Inghilterra a marzo 2013 e per concludere un incontro di valutazione finale verrà svolto in Germania a dicembre 2013, al quale prenderanno parte sia i rappresentanti dei partner esteri che alcuni dei cittadini coinvolti nelle attività locali e nelle visite all’estero.

 

Risultati attesi

Obiettivo di EU’GO è quello di costruire e potenziare una rete europea di orti urbani didattici per identificare e raggruppare i migliori strumenti educativi utilizzati e creare una piattaforma e-learning multilingue da cui tutti i cittadini europei potranno attingere e che valorizzerà esperienze di successo nei vari paesi.

 

Mi interessa…partecipare

Se partecipi alla realizzazione o cura di un giardino/orto urbano e ti interessa saperne di più o partecipare contattaci via e-mail all’indirizzo dedicato ue.ae1511400376mec@o1511400376gue1511400376 oppure cerca su facebook il gruppo EU’GO.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Informativa estesa sui cookie. | OK